Gli Incontri del Giovedì

Omaggio a Dante in Trentino

Prima fra tutte le istituzioni culturali provinciali e regionali, l’Associazione Castelli del Trentino di Mezzolombardo dà vita a un’articolata iniziativa culturale tesa ad omaggiare Dante Alighieri a settecento anni dalla morte (1321-2021), nel più ampio scenario delle celebrazioni nazionali per il poeta fiorentino vero emblema mondiale dell’Italia delle lettere, e non solo, ufficializzate anche con la istituzione ministeriale di un giorno dedicato alla memoria del vate. La stagione culturale 2020-21, dal titolo “Omaggio a Dante in Trentino”, gode del patrocinio del Comitato Nazionale istituito dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, concesso all'associazione come unica istituzione culturale provinciale a poter fregiarsi di questo autorevole riconoscimento.

Prossimi appuntamenti

 

Mercoledì 17 febbraio 2021 - ore 17.00

Incontro con Paola Maria Filippi

"Un traduttore sconosciuto di Dante: Bartolomeo de Carneri"
Il quarto incontro della stagione culturale 2020-21 vedrà come relatrice Paola Maria Filippi, già docente di Letteratura tedesca e traduzione letteraria all’Università di Bologna, socia della Società Trentina di Studi Storici e della Accademia degli Agiati e componente del direttivo dell’Associazione Italia-Austria di Trento e Rovereto.
 

Mercoledì 17 marzo 2021 - ore 17.00

Incontro con Fabrizio Rasera

"Dante Alighieri vs Walter von der Vogelweide”
Il quinto incontro della stagione culturale 2020-21 vedrà come relatore Fabrizio Rasera, già presidente dell’Accademia degli Agiati di Rovereto e noto studioso di storia trentina. Tema della conversazione sarà il monumento a Walther von der Vogelweide, insediato nella piazza principale di Bolzano nel 1889, vicenda che influì in modo determinante sulla erezione del monumento a Trento nel 1896. Il suo intervento cercherà di dire qualcosa di non scontato sulla contrapposizione simbolica fra i due monumenti monumento a Dante, le cui realizzazioni nate in ambito laico e liberale sfociarono poi progressivamente in senso sempre più nazionalistico.
 

Mercoledì 24 marzo 2021 - ore 17.00

Incontro con Davide Bagnaresi

“La statua di Dante a Trento, fra irredentismo ed editoria turistica”
Come noto il 25 marzo è il giorno che il Governo nazionale ha scelto per celebrare ogni anno il Sommo Poeta; la data è individuata dagli studiosi come inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia. E proprio giovedì 25 marzo si sarebbe dovuta svolgere la conversazione del professor Bagnaresi del Dipartimento di Scienze Economiche-Centro di Studi Avanzati sul Turismo dell’Università di Bologna, ma a causa del Covid anticipata di un giorno così come tutte le altre del 2021. Il tema scelto è quello di analizzare le diverse modalità attraverso le quali la statua di Dante a Trento viene rappresentata nelle guide e nelle riviste turistiche dalla sua inaugurazione, nel 1896, sino all’avvenuta redenzione del territorio – ovvero dal suo apogeo al suo declino – non è casuale. Il monumento, massimo simbolo dell’italianità della regione, e la sua interpretazione si inseriscono, infatti, in un contesto fortemente condizionato dalle contingenze geopolitiche, sociali ed economiche di un territorio di frontiera, protagonista della contesa politica dell’epoca.
 

Mercoledì 14 aprile 2021 - ore 17.00

Incontro con Gian Maria Varanini

“Ripercorrendo la storiografia su Dante in Trentino, fra Castelbarco e fake news”
La conclusione del ciclo di incontri del giovedì della stagione 2020-21 è affidata al noto accademico Gian Maria Varanini, già docente di Storia medievale all’Università di Verona, e prima all’Università di Trento i cui ambiti di ricerca più significativi si sono indirizzati alla storia politica, economico-sociale ed ecclesiastica del medioevo veneto e trentino. Il tema della conferenza che in parte è stato trattato nel 1987 nel volume “Castellum Ava” dal prof. Varanini, mette a sintesi non solo dal punto di vista storico ma anche politico-istituzionale del periodo nel quale si muove il potere della signoria castrobarcense nella storia trentina, una cornice che ben introduce al contesto medievale della presenza di Dante in una parte del territorio trentino. Una chiusura di alto profilo come peraltro tutto il ciclo culturale promosso dall’associazione.
 

INFO UTILI

Anzichè in sala Spaur, tutti gli incontri si terranno online sulla piattaforma Zoom. 
Il link al quale collegarsi, a partire dalle ore 16.45, sarà presente sul sito dell'Associazione Castelli qualche giorno prima (www.associazionecastellideltrentino.com).

Organizza l'Associazione Castelli del Trentino
www.associazionecastellideltrentino.com
associazionecastelli@libero.it

Dove si trova l'evento